* LA PACE NEL MONDO ::

Oggi è il 21 settembre: la Giornata Internazionale della Pace.

Oggi ho visto questo video.
Ieri è stata proclamata Miss Italia.

E qual è il più grande desiderio di ogni partecipante a un concorso di bellezza? La pace nel mondo, già.

Alice Sabatini ha 18 anni ed è la nuova Miss Italia. Alla domanda in quale periodo storico vorresti aver vissuto? ha risposto il 1942.
Durante la seconda guerra mondiale, per vivere la guerra. Tanto lei – in quanto donna – non sarebbe stata un militare. Parole sue, ma guardate il video*: non vi affidate al mio riassunto.
*(grazie Stefano per averlo tagliato nel punto giusto)

E allora è tutto oggi che penso alla storia de L’Usignolo di Kristin Hannah che si svolge proprio durante il secondo conflitto mondiale e che racconta gli orrori della guerra attraverso gli occhi di due donne.

Ché la guerra si vive anche senza fare il militare e io il desiderio di Miss Italia non lo capisco.

Il libro di Kristin Hannah esce a gennaio per Libri Mondadori, ed è per questo che intanto posso raccontarvelo con le parole di Serena Bellinello, editor della narrativa straniera:

Ci vuole coraggio a rimanere a casa mentre tuo marito è in guerra e non hai notizie di lui, e devi crescere da sola tua figlia (…). Ci vuole coraggio per ribellarsi alle condizioni di vita che la politica del tuo Paese e la guerra ti impongono. (…)
Troppo spesso la guerra è raccontata unicamente dal punto di vista maschile; sembra che quando si tratta di grandi imprese siano solo gli uomini a compierle. Con questo romanzo Kristin Hannah ridà voce alle donne, celebrando il loro eroismo troppo spesso taciuto. Quello di donne costrette ad accogliere nelle loro case soldati nazisti, che sono state manipolate e indotte a tradire i propri cari, donne che hanno subito atroci violenze ma sono state comunque capaci di sacrifici esemplari, donne che hanno combattuto per il proprio Paese segretamente.

Ciao Miss Italia, appena esce ti regalo una copia de L’Usignolo, promesso.

Nel frattempo sappi che la guerra non è poi così lontana. Basta sfogliare i giornali o guardare la tv.
Magari ti interessa e vuoi fare qualcosa per aiutare chi in guerra non vuole più viverci.
Io sono diventata un Angelo dei Rifugiati. Vuoi esserlo anche tu?

* 8 COSE CHE SONO SUCCESSE MENTRE ERI IN VACANZA ::

1. Il 24 agosto, non un giorno infrasettimanale di un mese qualsiasi, ma il penultimo lunedì di agosto, Facebook ha registrato il record di accessi: quel giorno lì un miliardo di persone in tutto il mondo ha passato del tempo su Facebook.

2. Al di là del record (magari la colpa è della noia di chi era in ufficio a fine agosto), Facebook è il social network più utilizzato al mondo (cfr. i dati del Pew Research Center, un centro di ricerca indipendente con sede a Washington DC) mentre LinkedIn pare essere in calo (anche se neppure tanto: è passato dal 28% di utenti nel 2014 all’attuale 25%).

3. E ancora: Facebook ha superato Google come fonte di traffico per gli editori.
No, non in Italia. (altro…)

* TO-DO LIST DI SETTEMBRE ::

Ho questa buona abitudine: fare to-do list che mi semplificano la vita.

Ho un quaderno apposta per questa cosa.
Quest’anno anche una pagina del calendario dedicata a me.
È il calendario 2015 di Augure e io… sono settembre. Guarda caso: il mese che considero l’inizio dell’anno. Il mese in cui faccio la lista dei buoni propositi.
Il calendario completo si scarica qua.

calendario settembre

L’anno scorso, nella to-do list di settembre avevo segnato: pap test e visita al seno.
Fatti entrambi, come pure chiamare il dentista e imparare a fare il seitan.

Quest’anno, invece, nella to-do list ci metto un po’ più di tempo libero visto che il 26 settembre c’è la graduation dell’MBA che mi ha tenuto occupata questi due anni.

Quindi, quest’anno voglio:

– andare a La Biennale di Venezia prima di novembre

– e trovare il tempo, la domenica, di andare all’Hangar Bicocca

– andare a pranzo a La Castagnola prima che inizi a far freddo così da poter fare una bella passeggiata (insieme a Valentina e Massimo)

– imparare a usare il licoli (che per chi non lo sapesse è una pasta madre liquida)

– ogni tanto ordinare una Sacher Torte

– e anche andare a Vienna che non ci sono mai stata

– andare al Teatro alla Scala, spesso (nel frattempo ho comprato i biglietti per Cenerentola e quelli per il Falstaff con lo sconto Scala aperta)

riprendere a far conversazione in inglese (EDIT: mi sono appena registrata su Fluentify)

andare dal dermatologo (sì questo era anche nella lista dell’anno scorso ma non l’ho fatto, ora sì)

– prenotare le analisi del sangue

– (…).

E continuare a tenermi aggiornata, ma per questo non serve una voce nella to-do list: intanto mi sono appena iscritta a un corso di Public Speaking della Washington University e il 10 settembre vado ad ascoltare Yves Morieux quello di questo TED sulle regole per semplificare un lavoro complesso.


Che te ne frega a te della mia to-do list? Magari ci sono cose d’interesse comune o magari ho dimenticato qualcosa che puoi suggerirmi.
Ho dimenticato sicuramente qualcosa… cosa c’è nella tua do-to list di settembre?


* LA GENTE MUORE, MAGARI PRIMA IO ::

Non è un post triste.

Ho letto Il contrario della solitudine, la raccolta di racconti di Marina Keegan che prende il nome dal suo discorso di fine laurea, che ha letto alla Yale University cinque giorni prima di morire.
E qui finisce la tristezza. Promesso.

Marina Keegan

La lettera è qua, se vi va di leggerla. Io ve ne copio dei pezzetti, in corsivo.

Basta dormire troppo. Procrastinare. Prendere scorciatoie.

Eh. I ragazzi, oggi, non hanno tempo da perdere, anche se hanno tutto il tempo del mondo: è il loro paradosso, scriveva Gianluca Diegoli parlando di adolescenti (e uso dei social media). 

Allora, mentre leggevo la lettera, mi sono chiesta quale fosse il momento giusto per fare tutto. Quando possiamo dire di essere pronti? A impegnarci, a assumerci responsabilità? A quale età, sì, a quale età?
Quando finirete di definire giovani i manager, i politici e gli imprenditori di 50 anni?

Abbiamo questi standard irraggiungibili e probabilmente non saremo mai all’altezza della versione perfetta di noi stessi che fantastichiamo per il futuro.

E ieri, mentre scherzavo su Facebook sulla posa serissima della mia foto per quello che l’MBA in SDA Bocconi chiama CV book, ho cercato l’età di Hillary Clinton.

secondo me a Hillary Clinton ‘sta foto gliel’ha fatta lo stesso fotografo che ha scattato a noi in SDA Bocconi School of Management le foto per il cv book 2015

Posted by Domitilla Ferrari on Sunday, April 12, 2015

Hillary Clinton è nata nel 1947

Hillary ClintonChe a parole siamo tutti pronti per un presidente donna (per un presidente americano donna, ché di donne presidente ce ne sono già in giro, ma Hillary Clinton, come racconta Isabella Fava:

Non diventerà solo la donna più potente del mondo, se ce la farà. Ma anche la donna che, all’età di 67 anni e già nonna, non getta la spugna e decide di rimettersi in gioco. Di continuare una carriera.

Continuare la carriera. A 67 anni. Che va bene, non che non.

Hillary Clinton ha l’età di mia madre

Hillary Clinton ha 27 anni più di me: io quest’anno compio 41 anni e non voglio più pensare di avere tutta la vita davanti per far quel che resta.
Quel che resta da fare, tentare, vedere, condividere.

E poi mi circondo di gente che è felice così.

Non è paura di morire, o invecchiare. Ma invecchiare triste. 

zerocalcare

* SE SCRIVI, FATTI LEGGERE ::

In che modo, a parità di condizioni (esistenza di una notizia e qualità della scrittura stessa), è possibile che un contenuto possa risultare più interessante di un altro?
Cosa significa essere riconoscibili in Rete? Perché esserlo aiuta la diffusione dei contenuti? Tutti noi, informati (e informanti) sui fatti siamo a tempo stesso spettatori e protagonisti.

È di questo che parla Se scrivi, fatti leggere. L’importanza della riconoscibilità in Rete, (Sperling&Kupfer, €1,99) in cui visto che queste cose continuo a chiedermele spesso le ho chieste anche a:

Se scrivi fatti leggereA tutti: grazie.
La prefazione è di Giovanni Boccia Artieri che ha scritto due pagine riassunte nel titolo: L’autorevolezza online starà nella qualità delle relazioni che sapremo costruire.
In appendice una guida utile per chi ragiona sulla necessità di una social media policy: Opinioni personali e social network, di Ernesto Belisario.
Il resto è roba mia.

 

Buona lettura.

P.S.: l’ebook è uscito il 31 marzo ed è subito entrato nei bestseller di Amazon dove è rimasto per 3 settimane di fila. Per le prime due è stato al primo posto nella sua categoria. Olè!

 

RASSEGNA STAMPA:

Weconomy
L’Unione Sarda
Radio 105
– L’angolino di Ale
Il Colore dei libri

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Privacy Policy