* E LA COLPA DI CHI È? ::

Tanti anni fa, facciamo un conto: 11 anni fa, è successa una cosa di cui mi sono sempre vantata poco.
Ho capito l’importanza di avere una RACI, una matrice di assegnazione delle responsabilità.
Tim Cook è diventato CEO di Apple nel 2011. Quell’anno Steve Jobs, pare a sorpresa, salì sul palco in occasione dell’evento di presentazione dell’iPad 2 e tra le wonderful wonderful Apps che citò c’era Virtual History di cui avevo seguito il lancio. «È la prima volta che un’applicazione realizzata in Italia, da un team tutto italiano, riesce ad ottenere un successo simile», scrissero tre giorni dopo le riviste specializzate. Tre giorni dopo.

Noi che ci avevamo lavorato ce ne siamo vantati sempre troppo poco, ma mentre seguivamo quello che – non potevamo saperlo – sarebbe stato l’ultimo speech di Steve Jobs vedemmo la nostra App, ma non sapevamo a chi dirlo.

C’era stato un comunicato stampa, certo. Vecchio di mesi. Che essendo stato scritto e inviato alla stampa specializzata a gennaio non raccontava quell’incredibile sorpresa, tantomeno – essendo passato troppo tempo – non permetteva a giornalisti e appassionati di riconoscere Virtual History come App italiana. Serviva un altro comunicato. Ma, sì, sapevamo pure a chi dirlo. Ma serviva tornare in ufficio, fare una riunione col capo, che il capo ne facesse un’altra e così via. Quel comunicato lo facemmo mandare, certo. Dopo: oggi sarebbe una notizia vecchia, che faticheremmo a far uscire. Fu così pure allora. Mica no. Immaginate tutti i «Ma ne abbiamo già scritto due giorni fa dell’evento».

Con i social media e l’uso che ne facciamo oggi magari sarebbe bastato riprendere quella notizia aggiungendo l’autocelebrazione di questa menzione speciale. Ma sarebbe successo, nella migliore delle ipotesi, sempre il giorno dopo, in mancanza di una RACI che ci permettesse di informare velocemente chi poteva decidere di far uscire una nuova comunicazione a quell’ora.
Quindi tre giorni sono tanti o pochi?
E ora torniamo alle solite cose che la responsabilità è la mia.
Ah ieri c’è stato un nuovo evento Apple, ma non ho una storia da raccontare questa volta. O non ancora.

IL BIGNAMI DEL MARKETING

  • Il 12 ottobre a Milano c’è il B2B Day. Poi ne parliamo.

CONSIGLI PER LEADER PROMETTENTI

  • Non avere paura di parlare di soldi.
  • «Il successo non è solo conseguenza delle nostre azioni. E non dipende neppure interamente dall’impegno e dal talento che ci mettiamo, ma anche da tutta una serie di circostanze esterne, da una certa disposizione delle stelle in quel preciso momento. E questo è un bene. Perché la narrazione secondo cui possiamo ottenere tutto ciò che vogliamo, mette su di noi una responsabilità brutale. Occorre invece imparare a gestire il successo senza cadere nel senso di onnipotenza», Annalisa Monfreda racconta l’intervista a Licia Troisi. Si ascolta qui.

CHEAP-La-Rivoluzione-delle-Seppie_2

  • Quando torni? è una delle scritte comparse sui muri di un paese in Calabria grazie a un progetto di riflessione sulle definizioni abusate di marketing territoriale. In breve: un borgo è abbandonato, un paese è vivo. Puoi leggerne su Frizzifrizzi. All’uscita del mio libro sui capi (Il pessimo capo. Manuale di resistenza per un lavoro non abbastanza smart, Longanesi) sono stata ospite in Regione Lombardia in un dibattito sullo smart working dove si è raccontato come – a seguito dell’emergenza sanitaria prima, ma come scelta poi – le comunità montane in Lombardia hanno ripreso a crescere. Dove si trasferiscono più persone c’è bisogno di servizi, negozi di prossimità: far girare l’economia, non solo in città.

CHEAP-La-Rivoluzione-delle-Seppie_4

  • Che differenza c’è tra efficienza e efficacia?
  • Quiet quitting è la nuova definizione di un comportamento che conosciamo già: quando una persona lavora facendo il suo, un po’ più che meno del minimo. In pratica: quando un collega ci ha mollato. Anche in questo caso la colpa è di una cattiva gestione manageriale.
    L’artista perfomativa finlandese Pilvi Takala nel 2008 propone un progetto a Deloitte che ha come scopo evidenziare come ogni giorno tutte e tutti noi dobbiamo mostrarci sempre indaffarati per giustificare – con noi stessi e con la società – il tempo che passiamo al lavoro. Essere indaffarati non aiuta a pensare. Nel mio lavoro io vengo pagata per pensare, non per essere indaffarata. E nel tuo? L’opera è The Trainee e ha come protagonista l’artista che per un mese ha lavorato come tirocinante nel reparto marketing di Deloitte. Puoi leggerne qui o ascoltare la prima puntata di Il lavoro non ti ama, un podcast in cinque puntate che racconta com’è oggi il mondo del lavoro digitale, creativo, cognitivo e culturale.

COSE CHE HO COMPRATO

  • Un impermeabile da tenere sempre nello zaino quando esco per andare in ufficio.
  • Un paio di questi reggicavi. Per tenere più in ordine.
  • I finti gessetti per scrivere sulla porta di casa le cose da fare.

️ DALL’ARCHIVIO


RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI

Quello che hai letto è un pezzo della newsletter che ho spedito a settembre 2022.

newsletter Domitilla

TI È PIACIUTA QUESTA NEWSLETTER?

Non la ricevi perché non hai mai pensato di iscriverti? Puoi rimediare lasciando la tua mail qua.

La prossima newsletter con i link delle cose che delle cose che ho letto sulle questioni fondamentali della vita che mi fanno essere felice, capire meglio, essere più consapevole, triste o arrabbiata, la mando tra poco.

❤️ Nel frattempo fai cose belle anche tu e se ti va ☕ ora puoi offrirmi un caffè.

 

* COME EVITARE FRAINTENDIMENTI? ::

Come evitare fraintendimenti? Non si può. C’è chi fa il furbo, o la furba, e chi davvero non capisce, ma ecco una lezione utile su come affrontare le cose, con esempi facili: la replica di Mario Draghi in Parlamento dopo le sue dimissioni la settimana scorsa che, per spiegare le cose a prova di furbi fraintendimenti, ha usato frasi come «A questo punto esistevano due possibilità…» e altri modi chiari – come aggiungere, a mo’ di inciso, «rileggo» – a sottolineare la dichiarata incapacità altrui di comprensione del testo. Poi chi vuole continuare a pensare d’esser furbo, certo, lo farà.

E ora torniamo alle solite cose, poi andiamo in vacanza che il caldo riduce le capacità di concentrazione.

IL BIGNAMI DEL MARKETING

  • Google rimanda – di nuovo – il blocco dei cookie di terze parti a fine 2024. Bene. Poi se l’adv sarà cookieless sarà comunque qualcos’altro, a me basta che io venga profilata per interessi e non perseguitata da un adv che ha come target tutte le donne tra i 40 e i 50 anni con interessi, gusti, passioni diversi dai miei. A proposito: hai registrato il tuo numero di cellulare al Registro pubblico delle opposizioni? Serve a non ricevere più telefonate pubblicitarie non richieste da numeri sconosciuti, fissi e non. (Sul tema, più o meno, leggi anche: Il cordone ombelicale del numero fisso. Sul Financial Times).
  • «Non siamo obbligati a empatizzare, ma è utile, se non fondamentale, capire cosa muove gli altri, i famosi perché», lo spiega Nicola Bonora qui.

CONSIGLI A LEADER PROMETTENTI

  • Come accelerare il percorso di creazione di valore a lungo termine in periodo di crisi? Qui la guida di EY: 2022 CEO Outlook. In breve: tecnologia, M&A e supply chain.
  • Cosa succede quando mancano la cultura del lavoro, la cultura della legalità e pure quella della comunicazione. Su Dissapore.
  • Cos’è l’incompetenza inconsapevole? Oltre a essere la mia nuova definizione preferita, intendo.
  • È possibile accelerare la creazione di vicinanza e intimità tra due sconosciuti? Ovvero: come si fa un’intervista. Su Gua Sha.

BANALI COMPITI PER LE VACANZE


RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI

Quello che hai letto è un pezzo della newsletter che ho spedito a luglio 2022.

newsletter Domitilla

💌 TI È PIACIUTA QUESTA NEWSLETTER? 

📩 Non la ricevi perché non hai mai pensato di iscriverti? Puoi rimediare lasciando la tua mail qua.

La prossima newsletter con i link delle cose che delle cose che ho letto sulle questioni fondamentali della vita che mi fanno essere felice, capire meglio, essere più consapevole, triste o arrabbiata, la mando tra poco.

❤️ Nel frattempo fai cose belle anche tu e se ti va ☕ ora puoi offrirmi un caffè.

La gente pensa a noi infinitamente meno di quanto crediamo. Non ci pensa quasi mai, questa è la verità.
Sandro Veronesi, Caos calmo (La nave di Teseo)

 

* lL BIGNAMI DEL MARKETING PER LE VENDITE ::

Quando si apre una start-up si parte dalle 3 F: fool, family e friends. Ovvero i primi a entusiasmarsi al progetto (saranno sciocchi perché non ci diventano certo ricchi, almeno non subito), e poi – o prima – familiari e amici. Funziona così qualunque progetto: da aprire una pagina su Facebook, LinkedIn o Instagram – dove i primi like sono di amici, parenti, dipendenti, fan (ne aveste) – a vendere un prodotto.

Abbiamo avuto tutti una zia che vendeva Tupperware, Avon, Bimby o Stanhome.

La necessaria sinergia col marketing

Cos’è successo nel mondo delle vendite con l’emergenza sanitaria in corso?
I commerciali, come le zie, non sono più andati a trovare a casa o in ufficio i potenziali clienti. E mentre le zie si organizzavano con nuovi mezzi, Confindustria organizzava corsi destinati alla forza commerciale dei propri iscritti per raccontare la necessaria sinergia col marketing che le aziende dovevano apprestarsi a fare. Da te in ufficio lo hanno fatto?

Ecco 3 cose che se lavori nelle vendite non puoi non sapere

Perché nelle vendite e non nel marketing? Perché il marketing serve a vendere e se non chiedi aiuto al marketing o se il marketing non ti aiuta continui a sfogliare la tua lista di contatti e finiti quelli hai finito di alimentare la pipeline.

1. Chef Tony, quello dei Miracle Blade, ha reso famosi i suoi coltelli mostrando cosa riuscivano a tagliare. In Will it blend? 14 anni fa Tom Dickson di Blendtech frulla un iPod e a seguire ogni modello nuovo di iPhone.

Sì, è importante quello che sai fare. Non quello che racconti ma non esiste.

2. Come ogni anno anche quest’anno ho guardato Sanremo che anche quest’anno è stato divertente e noioso il giusto (e io sono arrivata 6a nella mia Lega del Fantasanremo. Non sai cos’è? Ok, non è importante, ma sappi che ha acceso un faro sulle potenzialità lontanissime dall’essere saturate dell’integrazione tradizionale-digitale che paradossalmente erano già lì, aspettavano solo da anni di essere colte). Insomma tu lo hai visto? No, dici? Strano. Mancavi solo tu.

Si impara sempre da tutto, sai?

Un esempio pratico: nella prima serata il 70% dei telespettatori dai 15 ai 19 anni ha seguito il Festival di Sanremo su RaiUno (e 80% delle donne 20-24, 67,70% degli uomini della stessa età), nel frattempo però gli autori tv – che evidentemente non ci credevano – hanno scritto battute per il target 75 anni che è la percentuale di pubblico televisivo più alta fuor di eventi.

Ricorda: devi sempre sapere a chi stai parlando e usare temi, linguaggi, tempi giusti per il tuo pubblico.

3. Il passaparola è stimolato dai tuoi migliori clienti e alcuni di loro sono anche in qualche database. Vai a controllare.

sito Tupperware

Extra: Tupperware, dicevo. E che si impara da tutto, pure l’ho già detto?
La brillante strategia di marketing di Tupperware negli anni ’50.

 


RIASSUNTO DELLE PUNTATE PRECEDENTI

Quello che hai letto è un pezzo della newsletter che ho spedito a febbraio 2022.

newsletter Domitilla

💌 TI È PIACIUTA QUESTA NEWSLETTER? 

📩 Non la ricevi perché non hai mai pensato di iscriverti? Puoi rimediare lasciando la tua mail qua.

La prossima newsletter con i link delle cose che delle cose che ho letto sulle questioni fondamentali della vita che mi fanno essere felice, capire meglio, essere più consapevole, triste o arrabbiata, la mando tra poco.

❤️ Nel frattempo fai cose belle anche tu e se ti va ☕ ora puoi offrirmi un caffè.

 

* LA PAUSA PRANZO CON IL PESSIMO CAPO ::

Alieni, catastrofi naturali, guerre, inquinamento: i protagonisti, dopo essere sopravvissuti, devono sempre ricostruire un mondo migliore. Nei film post apocalittici la catastrofe è la metafora della necessità di cambiare abitudini che serve a farci dire: potevamo pensarci prima. Fermarci prima. Fare qualcosa di diverso. Prima.

(altro…)

* PRONTI A PAGARE PER LA QUALITÀ A CUI NON SIAMO PIÙ ABITUATI? ::

L’unico modo per iniziare a cambiare le cose è vederle. Per questo la settimana scorsa dicevo che è importante (imparare a) parlare di soldi. Ma è importate parlare pure della qualità che quei soldi ci permettono di avere. Sul lavoro. Ma anche nel nostro tempo libero, quando mangiamo al ristorante, per dirne una.
Alessandro Borghese, in un’intervista del Corriere della Sera sul suo lavoro come ristoratore, ha detto: «Bisogna essere datori di lavoro seri, dare prospettive. Se vogliamo che questo settore sia centrale per l’Italia è l’unica strada. Senza personale qualificato non andiamo da nessuna parte, se si trovano male i clienti non tornano».
Vale per ogni cosa.

La spirale verso il basso

Anni fa, parlando di lavoro, un amico mi spiegava come succedeva che gusti e interessi si stessero appiattendo: siamo così tanto abituati al brutto che non ci stupiamo che il brutto chiami il brutto, in una spirale verso il basso temo senza fine. Non si può sempre guardare al risparmio immediato. Gli investimenti costano, anche tempo. Ma che si guardi solo come tagliare i costi, senza pensare al futuro, succede da sempre e dappertutto. E ora di più. (altro…)

Privacy Policy