* È ESTATE, PERCHÉ CONTINUO A STUDIARE? ::

La prima risposta, sì, è perché ho pagato. È vero.
Poi, però, prima di scrivere il mio secondo post sul Financial Times ho pensato allo sforzo che mi ci è voluto per tornare a studiare. E, adesso, a preparare l’ultimo esame del primo anno di MBA.

summertimeQuando andavo a scuola con l’arrivo dell’estate il mio primo pensiero era di che colore avrei scelto il mio prossimo bikini.

Quest’anno ho pagato per trascorrere parte della mia estate a studiare. Che cosa è cambiato? Studiare è una necessità, mentre io sto cercando di soddisfare un desiderio diverso: imparare.

E le tante cose che imparo ogni giorno per lavoro e non, leggendo anche tanto, non sono sufficienti a soddisfarlo.

Il lifelong learning dovrebbe essere un obiettivo per tutti: stiamo vivendo nella società della conoscenza e se vogliamo capire le cose che cambiano abbiamo prima bisogno di imparare, di acquisire strumenti di analisi utili a capire cosa cambia e come. E per farlo è necessario preservare la capacità di imparare.

La parte più difficile di quello che in Bocconi chiamano il back to school è proprio riprendere l’abitudine quotidiana allo studio. Per questo dico che l’opzione migliore sarebbe quella di non smettere mai di studiare.

È possibile, dopo esserci fermati per anni, ripartire con il massimo impegno? Non lo so, allora ho chiesto ad alcuni dei miei compagni di classe: qualcuno ha ripreso gli studi dopo una pausa di 10 anni, altri anche 20, ma tutti noi abbiamo una forte motivazione e il lavoro di squadra è fondamentale anche per darsi la spinta l’uno con gli altri.

Quando sono stanca mi fermo a pensare a quello che fanno gli altri: Chiara ha avuto un bambino durante i primi mesi dell’MBA (non mi dite mai, mai più che la maternità è un ostacolo), Riccardo ha cambiato lavoro pochi mesi fa e tanti dei miei compagni di classe fanno i pendolari dalla Svizzera, da Torino, da città diverse della Lombardia, per seguire le lezioni.

È difficile, ma credo che continuando a studiare durante l’estate sarà meno dura a settembre, per il secondo (e ultimo) anno di master. O almeno spero.

 

SULLO STESSO ARGOMENTO (FORSE):

  • * DI ME CHE NON VOLEVO FARE BUONI PROPOSITI ::* DI ME CHE NON VOLEVO FARE BUONI PROPOSITI :: Non volevo fare buoni propositi. L'anno scorso ne avevo pensato uno - vedere più spesso gli amici - e ne ho realizzati senza preavviso un bel po': 1. ho scritto un […]
  • * ELENCO DI ESAMI CHE HO FATTO FINORA ::* ELENCO DI ESAMI CHE HO FATTO FINORA :: 1. Disegno Organizzativo (ci ho scritto un post: 10 cose che ho imparato sull'organizzazione) 2. Scenario Economico 3. Bilancio e Analisi Economico-Finanziaria 4. […]
  • * COME FA A FARE TUTTO CHIARA? ::* COME FA A FARE TUTTO CHIARA? :: Ho festeggiato l’elezione di Marta come rappresentante di classe, ma di solito non parlo molto spesso di quote rosa o diversity. Però non posso non notare, come tutti, […]
  • * VINCERE SENZA COMBATTERE ::* VINCERE SENZA COMBATTERE :: Un anno fa ho vinto le elezioni come rappresentante di classe. Su 49 iscritti nella mia classe dell'MBA ci sono (solo) 8 donne, me compresa. Quando abbiamo fatto le […]
  • * IL BUON ESEMPIO DI UNA PESSIMA MADRE ::* IL BUON ESEMPIO DI UNA PESSIMA MADRE :: Frequentavo le elementari quando mia madre iniziò a frequentare le scuole serali per prendere la licenza media. Spesso andavo con lei. Mi sedevo tra i banchi, insieme […]

Tagged:

Privacy Policy