* DI CHI È IL MIO ACCOUNT DI TWITTER? ::

La notizia: la BBC ha perso 60mila follower.
In breve: la giornalista Laura Kuenssberg, dopo aver lasciato il posto di corrispondente politico alla BBC per la ITV, ha rinominato il suo account di Twitter da @BBCLauraK a @ITVLauraK. Ai follower – guadagnati grazie al lavoro con la BBC – ha lasciato un messaggio, sperando di non perderli, invitandoli a seguire il nuovo corrispondente politico della rete.

Laura Kuenssberg on Twitter

Un altro caso: Charlotte Hawkins twitta come @skycharlotte e ha oltre 26mila follower. La giornalista di Sky News interagisce con i telespettatori prima e dopo il programma, durante la diretta come sottopancia viene visualizzato il suo nickname.

Tutta pubblicità! Sì, ma a chi?

Charlotte Hawkins

In Italia: il caso (di divorzio) è quello di Riccardo Luna, non più direttore di Wired, che continua – a differenza della giornalista della BBC – ad associare, nell’account @riccardowired, il suo nome con il brand della testata per il lancio della quale ha forse imparato a usare Twitter.

Riccardo Luna dice che non intende cambiare nickname.

Riccardo Luna su Twitter

È giusto? Sbagliato?
Sono curiosa, allora l’ho chiesto a Ernesto Belisario, avvocato esperto di diritto 2.0.

L’utilizzo di nuovi strumenti, da sempre, pone nuove questioni giuridiche (prima sconosciute): i Social Media non fanno eccezione a questa regola.
Specialmente all’inizio, aziende e professionisti si sono iscritti ai diversi Social Network Site senza pensare a quello che sarebbero diventati, non ponendosi alcune importanti questioni (ad esempio, cosa sarebbe successo all’account del giornalista in caso di passaggio ad un’altra testata).
Se questo atteggiamento disinvolto era comprensibile fino a qualche tempo fa, adesso non è più opportuno (né consigliabile) procedere in modo spontaneistico e disorganizzato; ormai conosciamo i Social Media e le loro principali implicazioni giuridiche, anche con riferimento all’organizzazione interna e ai rapporti tra aziende e collaboratori.
Di conseguenza, nell’ottica di un approccio strutturato, è assolutamente auspicabile l’adozione di un documento (c.d. “Social Media Policy”) in cui, tra le altre cose, disciplinare proprio quale uso i dipendenti possono fare di questi nuovi strumenti, definendo in modo chiaro tutti i profili più delicati, evitando polemiche e critiche, oltre a eventuale contenzioso.
Anche la BBC ha una Social Media Policy in base alla quale gli account che contengono “BBC” nel nome sono controllati dall’Azienda; questo significa che o la BBC ha consentito (con invidiabile fair play) alla Kuesnssberg di portare l’account con sé, oppure (visto che la policy risulta aggiornata il 12 luglio 2011) ha tratto insegnamento dalla vicenda e non vuole che si ripeta più un caso del genere.

In Italia come funziona (o come dovrebbe funzionare)?

Nel nostro Paese non funziona in modo diverso. Non vi sono regole specifiche in materia di Social Media (fortunatamente, visto il livello di “alfabetizzazione tecnologica” del nostro legislatore). Tuttavia, proprio per questo motivo, considerata la sempre maggiore importanza della presenza on line, un numero crescente di aziende di ogni settore inizia ad adottare proprie Social Media Policy, coinvolgendo in questo processo l’ufficio che si occupa delle risorse umane e quello legale. Ci sono, infatti, anche criticità legate allo Statuto dei Lavoratori (è vietata ogni forma di controllo a distanza nei confronti del dipendente), di privacy e – appunto – di titolarità dell’account.

Quindi, di chi è il mio twitter?

Parto da una considerazione banale: l’account è di chi lo registra, in quanto il profilo sui Social Media viene aperto stipulando un vero e proprio contratto con il fornitore del servizio (c.d. “contratto di social networking”).
Di conseguenza, se l’account è creato dall’azienda e promosso e controllato dalla società, anche se è gestito dal collaboratore come parte delle proprie mansioni lavorative, non v’è dubbio che ne sia titolare l’azienda. Viceversa, se è aperto dal singolo, non è controllato dal datore di lavoro, non viene utilizzato per rappresentare le opinioni della società, ne è chiaramente titolare il collaboratore.
Naturalmente, sono sempre più le aziende che nella propria Social Media Policy decidono di disciplinare anche l’uso che il proprio dipendente/collaboratore fa dell’account personale, specialmente con riferimento a tutti i possibili punti di contatto con l’attività lavorativa (ad esempio: rapporti con i colleghi, notizie apprese nello svolgimento dell’attività lavorativa, divieto di concorrenza).

Sono l’azienda: cosa posso fare?
Sono il giornalista: che rischi corro?

Poniamo il caso che si verifichi in Italia un caso simile a quello della giornalista della BBC. In assenza di specifiche disposizioni contrattuali, l’account aperto dal giornalista, su cui non vi sia alcun controllo dell’azienda, resta al collaboratore che può lecitamente cambiarne la denominazione.
Inoltre, a mio avviso, pur dovendo valutare la situazione caso per caso, è utile ricordare che le “Regole di Twitter”, espressamente richiamate dalle condizioni d’uso del servizio, prevedono che non possano essere usati nomi utente che corrispondano (del tutto o in parte) a nomi di aziende “che detengono diritti o marchi su quei determinati nomi utente”.
Di conseguenza, se fossi un’azienda, non potrei pretendere il trasferimento dell’account (e quindi del patrimonio di contatti), ma – nel caso in cui non venga cambiato il nome del profilo – potrei richiedere ed ottenere da Twitter la cancellazione dell’account che contenga il mio nome e, comunque, laddove l’account venga utilizzato per ingenerare confusione o sviamento in mio danno, adire le vie legali, ad esempio chiedendo il risarcimento dei danni provocatimi (anche per concorrenza sleale).
Di conseguenza, il giornalista è esposto ad una serie di rischi che vanno dalla chiusura dell’account ad azioni legali per concorrenza sleale e sviamento di clientela.

 

SULLO STESSO ARGOMENTO (FORSE):

  • * COME DIVENTARE TWITTER ADDICTED :: * COME DIVENTARE TWITTER ADDICTED :: Carlo Giuseppe Gabardini è su Twitter da un mese. Se non sapete chi sia è bene che andiate a vedere su Wikipedia, è anche lì. Dal suo primo tweet ha colpito il cuore […]
  • *  GENTE CHE SA USARE TWITTER ::* GENTE CHE SA USARE TWITTER :: Mi piace pensare che ci sia un senso - non so bene quale - negli incontri che si fanno nella vita. Anni fa ho lavorato in Rai, ho fatto tanti lavori diversi da allora, […]
  • * A LEZIONE DI TWITTER ::* A LEZIONE DI TWITTER :: Quello di giornalista è un bellissimo mestiere: fai domande e (quasi sempre) la gente risponde. Grazie a questo mestiere ho imparato tante cose. Ero curiosa, facevo […]
  • * COME DIVENTARE FAMOSO SU TWITTER (in 10 mosse) ::* COME DIVENTARE FAMOSO SU TWITTER (in 10 mosse) :: Essere famosi su Twitter è come essere ricchi al Monopoli, Valentino Rossi Detto questo, se proprio ci tenete e immaginate che avere tanti follower non richieda […]
  • * SOCIAL TV ::* SOCIAL TV :: A me Sanremo non è mai piaciuto, mai. Eppure, quest'anno ho acceso la tv apposta. Non ero sola. È successo anche con qualche puntata di Report e Anno Zero. Tutto […]

Tagged: , , , , ,

Privacy Policy