* QUELLO CHE SO DI MUSICA ::

Di musica non ne so nulla, meno di quello che so di moda.

Ma poi, cosa c’è da sapere sulla musica?

Anni fa, nelle tante, tantissime cose che mi è capitato di fare, ho seguito un programma radio, un programma che esiste ancora, condotto ancora dai suoi ideatori: Michel Pergolani e Renato Marengo.

Io ero nella redazione, ero l’ultima ruota del carro, mi divertivo un sacco.
Arrivavano tantissimi demo, molti demo non erano, erano cd bellissimi, sconosciuti.

Ho conosciuto un sacco di gruppi, di alcuni di loro sono diventata amica. Per un anno, nel 2002, ho scritto i contenuti per il sito di Demo, sono stata in redazione ad ascoltare musica e durante il programma a compilare i moduli della Siae.

Ve l’ho detto che ero l’ultima ruota del carro.

Era divertente, ho scoperto i Moranera e gli Acustimantico. Per citarvene due che mi piacciono e che ascolto ancora volentieri.

Anni dopo sono stata, con il Telethon, a Catania, a Rimini, a Bologna e in altre città. Ero una dei producer delle dirette. Un bel modo per dire che dovevo risolvere tutti i problemi – e sono tanti – che ci sono prima, durante e spesso anche dopo i collegamenti in diretta.

Uno dei problemi del prima della diretta è che nella piazza in cui tra mezz’ora il regista deciderò di fare una panoramica dall’alto non c’è nessuno.

Come obbligare la gente a fermarsi a far nulla in una piazza vuota e fredda a metà dicembre?

Con la musica.
Ma non con la musica diffusa dalle casse, magari collegate a una stazione radio locale, no. Con concerti di band locali (e non) che si davano il cambio sul palco pronte a togliersi di mezzo alla velocità della luce appena pronto il collegamento in diretta durante il quale su quel palco doveva succedere tutt’altro.

Ecco, questa cosa l’abbiamo fatta ed è venuta benissimo. Le band le cercavo io. Io che chiedevo in Rete ai gruppi di candidarsi e di dirmi che musica facevano e di mandarmi un brano. Uno solo che i gruppi erano tanti.

Poi in radio ci sono tornata a far la giornalista, non di musica, ma ve lo racconto poi.

E ci torno oggi – a parlare di personal branding – dalle 14 alle 15 ospite di Gabriele Balducci a Punto Radio, una radio storica di Bologna (anche in streaming se proprio ci tenete e vi interessa l’argomento).

Gabriele mi ha chiesto se volevo suggerire dei brani per la scaletta del programma. Ecco, inizia con le domande a cui non so cosa rispondere.

Quello che so di musica è che mi piace (quasi tutta).

SS-20130403183749

SULLO STESSO ARGOMENTO (FORSE):

  • * UNA FOTO È PER SEMPRE ::* UNA FOTO È PER SEMPRE :: Ho avuto una sorta di dissonanza cognitiva: un barcamp in spiaggia è stata davvero un'esperienza surreale. Parlare, poi, davanti a una platea così numerosa […]
  • * PERSONAL BRANDING E IL METODO WALTER CHIARI :: * PERSONAL BRANDING E IL METODO WALTER CHIARI :: Ho una mia teoria personale sui nomi di persona inusuali, in breve: si ricordano (nel bene e nel male) più facilmente. Chi era Walter Chiari? Pugile, giornalista, […]
  • * IL PORNO È IL NUOVO MARTINI :: * IL PORNO È IL NUOVO MARTINI :: Quando la Dj è donna: tette e musica
  • * IL CALCIO E ALTRE STORIE :: * IL CALCIO E ALTRE STORIE :: Sem* non ne capisce niente di sport, di tutti gli sport, poco, pochissimo ne sa anche di musica. Peggio se le due cose si incrociano. Comunque oggi ha visto i Rolling […]
  • * CI VEDIAMO A VENEZIA? :: * CI VEDIAMO A VENEZIA? :: L'8 maggio sono a Venezia. Per la Ca' Foscari Digital Week ho organizzato un talk-lab sul networking, una tavola rotonda durante la quale - con esempi di vita vissuta […]

Tagged: , ,

Privacy Policy